lunedì 28 dicembre 2015

Boardgame dal Fronte: dispacci anti stress!



Tra le cose belle che porta avere un blog è poter conoscere tante persone, venire a contatto con diverse realtà di vita che oltre ai confini regionali e nazionali spesso travalicano quelli del consueto vivere.
Capita così di imbattersi in astrofisici, in programmatori, in chimici di laboratorio, in giocatori seriali, in video addicted.... e perchè no in soldati! 
Mai come in questi ultimi mesi la parola soldato rievoca situazioni di grande calamità, di grave disagio sociale e civile. Mai come nei giorni che viviamo il terrore di vedere un blindato per la città sta ritornando qualche cosa di concreto, di duro da accettare ma è una semplice conseguenza di azioni di controllo e potere che piegano la razza umana da millenni, si tratta solo di far finta di niente o sforzarsi di capire, di andare a fondo mettendosi in gioco per qualche cosa che abbia un valore etico, morale, una bandiera, un paese.

Personalmente sono sempre rimasto molto in bilico su certi argomenti, indeciso su come e dove schierarmi perchè a differenza dei film, dei fumetti, dei luoghi comuni a cui siamo abituati, non c'è un cattivo nè un buono, tutto è relativo e tutto cambia in funzione dei punti di vista, di chi la racconta e di chi la guarda.... 
Però se è vero che la storia insegna a non commettere gli stessi errori è pur vero che solo con un certo distacco è possibile analizzare in modo oggettivo certi atteggiamenti bellici, alcuni comportamenti di "conquista" o di "controllo" del territorio.

mercoledì 23 dicembre 2015

Le Pagelle degli acquisti [Lucca C&G]

Dopo una due giorni di Lucca Comics & Games si tirano le somme, si fanno i conti delle spese, dei giochi riportati a casa e delle emozioni collezionate.

Ma passate le settimane a ricordarmi questa fantastica esperienza appena trascorsa sono i giochi acquistati in fiera e che ormai sono stati provati e riprovati, infilati e sfilati dallo scaffale, de fustellati e analizzati, proposti e criticati, chiacchierati e interpretati…

Insomma per noi esperti di sensi di colpa, fogli excell e sindrome da acquisto compulsivo è il momento di capire se le spese sono state mirate, fatte con oculatezza o se si è stati piuttosto travolti dalla passione, dalla foga prendendo e portando a casa di tutto e di più.

Da una rapidissima analisi devo dire che sono riuscito a contenere i danni e a riportare nel bottino solo dei titoli che mi piacciono e mi divertono ma andiamo ai numeri:



-4 giochi per i più piccini (Alien Wars; Bellz; Splash!; Ufo Farmer)
-2 party game a base mostri (Una notte da Lupi; Monster My Friend)
-1 espansione (Vudu)
-1 gioco da DUE (Bang! Duel)
-1 gioco ideale per SEI (Libertalia)
-2 peso medio (Bomarzo; Sipario)
-3 cinghiali (Aquasphere, Florenza; Bretagne)


TOTALE:  14 giochi e come direbbe Skin… ATTAKKA!

domenica 20 dicembre 2015

GOODS N ROLLA

Quando qualcuno chiede: “Cos'è un Rocknrolla?' io glielo dico. Non è solo sesso, droga e corse in ospedale. Oh no, è molto di più amico mio. Piace a tutti la bella vita: qualcuno vuole i soldi, qualcun altro la droga, altri il sesso, godere, la fama o il potere. …” (Archy)

Arriva il portalettere, mi consegna un pacchetto piccolo, piccolo ma pieno di francobolli come non se ne vedevano da tempo, colorati… Il mio indirizzo è scritto a mano, le lettere sono ricamate col pennarello come da un amanuense di qualche ordine religioso. “Italien” finisce.
Sul timbro leggo Lookout! È ARRIVATO IL GIOCO CHE ASPETTAVO

Erano settimane che Astroboy continuava a tartassarmi: “non sai che goduria questo gioco… non puoi capire che stile, un gioco gestionale in un mazzetto di 110carte”.
L’unico problema era il sito di acquisto… sulla Lookout è tutto in tedesco, anche i numeri sono crucchi… così un po a botte di google-translate e un po teleguidato da remoto con Astro sul messenger riesco a piazzare nel carrello questo giochino per la modica cifra di 13.95€ spese comprese!
Una mail mi rassicura:  “Der Status Ihrer Bestellung mit der Bestellnummer 2851 hat sich von "Eingegangen" auf "Zahlung akzeptiert" geändert.” Beh che dire... tutto molto chiaro :D 
Poi dei gentili saluti e basta!

mercoledì 16 dicembre 2015

Box Quest - La prova del Nerd [ep I]

RING RING...
Il Telefono rosso di Nerd-City squilla e la cricca di gamerz è chiamata ad adunata!

Da Essen a Lucca ho visto spopolare sui siti dedicati ai boardgame le foto delle librerie di chi come me è affetto da acquisto compulsivo e si ritrova dopo qualche anno a dover gestire il problema degli spazi, affrontando nuove spese in librerie o armadi, rinforzando i soppalchi, contenendo lo strabordare dei cassetti e delle mensole..

Così mi sono chiesto: "chi sa quanto tempo passeranno questi amici-nerd a guardarsi e riguardarsi le scatole dei loro amati giochi?"

A me capita sempre quando entro nello studio, accendo la luce e SBAM... la manifestazione della mia follia sotto forma di una parete piena di scatole!

Questo nuovo quix è dedicato agli amanti della scatola, quelli che giudicano dalla copertina, che puntano al contenuto ma rimirano anche il contenitore.

lunedì 14 dicembre 2015

Aqua da tutte le party

“Tredici…. Quattordici…. Quindici…..
No qualche cosa non và…. Inizio ad avere paura… da quando vivo a Roma e non mi era mai capitata una cosa del genere….
Sedici…. Diciassette….Diciotto…
No dai se scrivo sta roba sul blog non mi crede nessuno! Però cavolo sembra tutto vero… Mh…
Non è che è uno scherzo tipo TrumanShow?
Diciannove…Venti…
Roma è stupenda quando non c’è tutta quella folla di gente indemoniata che la assale! Sarà merito di questo ponte dell’immacolata ma sembra un’altra città… sono le 21.45 del 7 dicembre ed è letteralmente deserta… Non bazzicano neanche le solite batte-da-5-euri… neanche una pattuglia… non ci sono i pali per lo spaccio… da un momento all’altro potrebbe uscire un’orda di non morti e sarebbe tutto perfettamente ambientato…
Ventuno….. Ventidue…

venerdì 11 dicembre 2015

I shot the sheriff - Bang! Duel [Lucca C&G]

Yeah! All around in my home town,
They're tryin' to track me down;
They say they want to bring me in guilty
For the killing of a deputy,
For the life of a deputy.
But I say
Oh, now, now. Oh!
(I shot the sheriff) the sheriff.
(But I swear it was in self defense.)
Oh, no! (Oh, oh, oh) Yeah!
I say: I shot the sheriff oh, Lord!
(And they say it is a capital offense.)
Yeah! (oh, oh, oh) Yeah! 


A Lucca Barbara Rol mi dice: “...e poi tra le tante novità c’è BANG! DUEL. Lo devi provare sono sicura che ti piacerà!”.
Come dire di no agli occhi-di-giada di DVGiochi??

lunedì 7 dicembre 2015

Erweiterung - Just One More Contract

"…fidati migliora il base di brutto!” così  mi aveva detto Astroboy con la scatolina tra le mani.

Solitamente non sbaglia un colpo e in quanto a gusti la pensiamo praticamente uguale… quindi quando ho saputo che sarebbe andato ad Essen ne ho approfittato: “… dai se lo trovi che non costa tanto me lo prendi poi ti bonifico del dovuto e se ci vediamo me lo dai?” gli faccio io senza peli sulla schiena!

Dopo un paio di settimane mi incontro con lui e Kuldran… storie di playtest che un giorno forse sveleremo al mondo… roba clandestina come un barile di whisky ai tempi del proibizionismo!
Ci spariamo la sessione di playtest: “BUMBA SUPER ASTRO! TU SCENDI DALLE STELLE!” gli faccio io con il mio solito entusiasmo pacato!

Poi giusto perché non posso mai farne a meno metto sul tavolo un "fillerino da provare" Fairy Tales: “Dai facciamoci una mano, mi hai detto che ti era piaciuto veh… “ e parto di spiega.

Provo ad ambientarlo ma Kuldran mi guarda storto come il tenente Colombo: “è un gioco di carte Albo, non menare il can per l’aia e spiega come gira!” abbastanza talebano il roscio!

venerdì 4 dicembre 2015

Meglio tardi che mai [Roma Est In Gioco]

Prova Mic uno, due, uno! C’è c’è… Roma Est In Gioco Right! Meglio tardi che mai...

Ne è passato di inchiostro sotto questa penna o dovrei dire forse ne hanno spinti di tasti questi polpastrelli da quando sono tornato da Lucca… tanti racconti, tanti report, tante le interviste e ne mancano ancora un paio ma questa è un'altra storia...
Cerco cerco nei ricordi e capisco che c’è un pezzo grosso di storia non raccontata ma che merita gli onori della cronaca!

La settimana prima di partire per Lucca a Roma andava in scena la quarta edizione di Roma Est In Gioco, la convention capitolina organizzata, caldeggiata, spammata e pubblicizzata dal losco e inarrestabile individuo che va sotto lo pseudonimo di Caviolone al secolo Leonardo Caviola.
Per chi è di queste parti dire Caviola è come dire Totti… si vabbeh.. "Alboooo accorcia quel pesce sinnò faccio na straggge!"... vabbene non sarà bello nè ricco, né si tromba la Blasi (gran bel pezzo di cicciabaffetta) né guida un porche anche se è un cinghialotto che se la meriterebbe una porkmobile!

martedì 1 dicembre 2015

Quando Arriva: il ritorno della Cricca


Quando dopo tre mesi finalmente gli astri si inc-astrano e riesco a vedermi con la cricca per una partita.... se ne vedono di tutti i colori tipo Paint!

In generale, quando arriva il giorno di giocare è sempre il solito circo degli orrori..
Ti svegli felice come un pagliaccio ma nella cassetta trovi due bollette e una lacrima ti scioglie il trucco della maschera che indossi: Pirandello!
In sella allo scooter eviti i diversamente intelligenti che sono sempre pronti a stenderti come la sfoglia la domenica. Ci metti il massimo dell'attenzione, più del normale, perchè  non vorresti mai finire all’ospedale proprio il giorno che si gioca!
A lavoro eviti i paduli come Metal Gear Solid… provi tecniche di invisibilità tipo Shinobi, ti infiltri tra i corridoi stile Splinter Cell ma verso le 17:30/18:00 il tuo capo sembra ricordarsi di te "EH?" con un punto esclamativo enorme sulla testa e allora sono centimetri di ciccia nel deretano lubrificati a ghiaietta per lettiera e breccia da cantiere!

mercoledì 25 novembre 2015

Playtesting con lo Zio Zizzi [Lucca C&G]

Ok lo ammetto, la cosa che mi è piaciuta di più di questa mia Lucca C&G 2015 è stato testare i giochi di Pierluca Zizzi!
Fino a qualche tempo fa vedevo i giochi da tavolo come scatole da acquistare, plance da posizionare, pedine da muovere, punti vittoria da guadagnare. Dopo un po ho iniziato a pensare alle meccaniche; poi un occhio di riguardo alle case editrici che producevano giochi in linea con i miei gusti. Solo da poco ho iniziato a ragionare sugli autori che poi alla fine tutto parte da loro, dalle idee, dall’innovazione, dai ragionamenti che nascono nelle loro menti più o meno geniali e che dopo un certo numero di tentativi e playtest, campagne e modifiche dell’ultima ora, si trasformano in scatole da acquistare, plance da posizionare, pedine da muovere, punti vittoria da guadagnare, tutto per noi giocatori della domenica o hard-gamerz!

sabato 21 novembre 2015

VM18 - GiorgiaCosplay #Escile @ Lucca C&G

Quando mi sono riavvicinato al mondo dei boardgame mai avrei immaginato di ritrovarmi a scrivere questa intervista…
I Cosplayers sono sempre stati un “aspetto” di cui non mi importava molto, un discorso parallelo al mondo dei giochi che bazzicavo, al mondo dei fumetti che leggevo, al mondo dei videogames in cui mi chiudevo.
Ma anno dopo anno questa immagine sfocata di sottofondo iniziava a prendere fuoco e forma… e che forma!
Mai notato che ci sono delle cosplayer vestite con mise che replicano perfettamente i personaggi più amati del mondo Comics&Games? E se questi personaggi fossero di quelle “prorompenti” tipo Chun-Li, Lamu o Lara Croft?
Ecco, credo sarete stati colti da curiosità anche voi no? E dai non fate gli ipocriti… una volta c’era un blog che sparava veleno mortale su quasi tutti i giochi da tavolo nuovi e vecchi… tutti contro quei blogger ma avevano un totale di visite superiore a quelle di un ospedale! Il segreto di quel successo? Un banner con cosplayers del gentilsesso e dalle tinte decisamente hot!

Tutto è iniziato per caso quando, navigando su Facebook con una certa assiduità per il blog, ecco che Zuckerberg ha iniziato a suggerirmi conoscenze alquanto particolari… si trattava di ragazze dedite alla pratica del cosplaying, ma a me sconosciute… in pratica quasi tutti i lettori del mio e degli altri blog erano entrati inevitabilmente in amicizia con queste fantastiche ragazze da copertina patinata….

CHE FARE? Seguire la massa o rimanere all’ascetismo virtuale? 
ESSERE O NON ESSERE... 
ESCILE O NON ESCILE?

mercoledì 18 novembre 2015

Sipario! Si va in scena [Lucca C&G]

C’è tanta gente infelice che tuttavia non prende l’iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l’animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l’avventura. La gioia di vivere deriva dall’incontro con nuove esperienze, e quindi non esiste gioia più grande dell’avere un orizzonte in costante cambiamento, del trovarsi ogni giorno sotto un sole nuovo e diverso…
(Dal film Into the wild)

giovedì 12 novembre 2015

Francesco-Youtopia-Marcantonini [Lucca C&G]

Continua la carrellata di post nati dalla recente esperienza ludica in quel di Lucca Comics & Games che ogni anno riesce a superare i suoi record e a far rosicchiare pezzi di gomito ai concorrenti più agguerriti!

Durante il primo giorno di visita (giovedì 29 ottobre) mi è stato possibile interagire con la dovuta calma con tanti amici blogger, autori e personaggi della scena ludica e ne ho approfittato per "rubare con gli occhi" il mestiere (come diceva mia nonna)!

In particolare sono rimasto stregato dal fascino contagioso dell'imprenditore, editore, autore, distributore, figaccione sciupafemminone Francesco Marcantonini, per molti noto come Mr Cosplayou! Altro che Heinsenberg in Breaking Bad... questo ragazzo, con un background universitario da fare invidia, sul gampo ha già fatto tanta strada e rappresenta "quelli della nuova generazione" di cui sentiremo parlare a lungo...
Francesco ha le idee molto chiare su come gira il mondo degli affari nell'universo dei boardgames ma non solo... ha un settimo senso tipo Saint Seiya per capire come si muovono i giovani suoi coetanei, come si orientano i gusti degli appassionati; parliamo di percepire la forza di un mercato che sta crescendo ogni anno, grazie all'impegno di macchine organizzative come Lucca C&G, Modena Play, Giocato Torino, Idea G ma anche di attori come blogger, vlogger, organizzatori, autori, editori e tutto il cuccuzzaro!!

domenica 8 novembre 2015

Lucca Comics & Games: Giorno 2

"Papo svegliati che è giorno?” apro gli occhi, poi inizio a sentire il rumore della sveglia che suona da non so dove, da non so quando…. Le 7:00, Siamo a Lucca per la fiera del gioco e del fumetto… è il secondo giorno, l’ultimo e poi si rientra!
Dopo una colazione della serie “ULTIMA CENA” partiamo col macchinodonte che sono le 8… mai stati cosi’ puntuali sulla tabella di marcia LA ed io, noi che la mattina per entrare all’asilo dobbiamo sempre inventarci una storia con la bidella Esterina…. “Abbiamo incontrato un incidente sulla tangenziale; il sindaco Marino ha bloccato la ciclabile per andare dal Papa a vedere la partita; IL TRENO è DERAGLIATO VICINO LA STAZIONE… LE CAVALLETTEEEEEEEE!” ogni volta una corsa contro il maledetto tempo, l’inarrestabile, l’irreprensibile… poi in un modo o nell’altro ce la facciamo sempre e la giornata ha il suo inizio!

mercoledì 4 novembre 2015

Lucca Comics & Games: Giorno 1

Primo novembre 2015, ore 22:45… a casa tutti dormono tranne me, posso finalmente iniziare a raccontare la mia Lucca Comics & Games 2015.
Alcuni dicono che sono un pizzico prolisso e che i miei post troppo lunghi rischiano di non essere letti cosi’ questa volta ho deciso di fare uno spezzatino dei miei due giorni di fiera scrivendo un patchWork di post cercando di agganciarli uno con l’altro come una collana di campanelline, come un bottone a formare un occhio di una bambola di pezza… insomma cercherò di essere breve ma… da dove posso cominciare?
Comincerò dall’inizio

MERCOLEDÌ 28 OTTOBRE
Mi sveglio con una strana voce nasale. Mio figlio LA dall’asilo oltre al grembiule sporco ha portato anche i suoi amici GERME e RAFFREDDORE! In meno di 24 ore ha contagiato sia me, che mia moglie senza risparmiare neanche la piccola sorellina MD di due mesi e mezzo… un focolaio di epidemia che in confronto i quattro virus di Pandemia sono ridicoli come girare col costume di borat in Piazza San Pietro il giorno della fumata nera!
Mentre preparo la colazione non so ancora del contagio domestico e spero in un attacco selettivo del virus verso il capo famiglia… D’avanti la mia tazza di the scremato e alla fetta di torta di mele inizio a temere il peggio quando la lancetta dell’orologio inizia ad avvicinarsi all’ora della campanella della scuola ma nessuno degli altri membri della famiglia ha ancora dato segni di vita… dalle camere provengono strani rantolii come la trasmissione di una ducati Desmodromica con le bielle piegate e le valvole da rifare…. Sono i tre nasi in coro di Dani, LA ed MD che mi ricordano un Didjeridoo! Il raffreddore ci ha sterminati tutti!

lunedì 2 novembre 2015

#BloodGameGeek il giorno dei morti

Il 2 novembre se ne fanno molte di cose: c'è chi va a fare un saluto ai cari defunti, chi si prende un momento di pausa dal tram tram quotidiano.... E chi ne approfitta per fare anche un dono ai vivi, sconosciuti , grandi, bambini con un gesto semplice e indolore... Donare qualche "goccia" di sangue per chi con quel gesto ci vive.... O sopravvive a seconda dei casi.

Da quando Andrea Dado ha lanciato l'invito col suo bloodGameGeek tanti tra gamers e/o babbani hanno già partecipato.

Un pizzico, 10minuti a strizzare una pallina e poi cornetto e cappuccio gratis.... Per chi vuole e può anche un giorno di ferie.

E voi che aspettate?

Come direbbe Dory (quella di Nemo): "Gioca e Dona, Dona e gioca..,"

venerdì 23 ottobre 2015

Quantum 'na Solas

Il sabato dai nonni capitava che in televisione ci fosse Bond, James Bond… e allora ci incollavamo tutti allo schermo, sulla RAI ancora non c’erano le pubblicità di adesso quindi ti facevi una scorpacciata di Sean Connery dall’inizio alla fineprimo-tempo come se non ci fosse un’altra pellicola sulla terra.

Di tutti gli 007 il mio preferito è sempre stato “Si vive Solo 2 volte”… una cosa su cui riflettevo spesso da piccolo perché non capivo come fosse possibile, e ancora adesso ho qualche dubbio non lo nego!

Dopo quel film e la dipartita di Connery fu evidente la crisi con un succedersi di attori scarsi fino al mitico Roger Moore.
Inutile dire che non sono stato né un fan di Timothy Dalton né tantomeno dell’imbustato Pierce Brosnam… uno che recita sempre uguale sia che faccia il sarto di panama, sia che guidi una jeep su una colata lavica, sia che vesta in panni dell’agente doppio-zero, sia che faccia il figaccione in musical che piacciono a mamma mia ma che a me fanno venire più sonno di morfeo e di un dardo per elefanti nel gluteo.

lunedì 19 ottobre 2015

Cross Quix vol2

Orde di Nerd tremate!

Dopo lo scorso episodio ho ricevuto tanti feedback: "troppo easy brother! Qui vogliamo roba per palati raffinati!" oppure cose tipo "Albo ma che è sta robetta... ma per chi ci hai preso per dei rookies?"...

Eccoci qui a proporre un alto quix incrociato come sempre tra questo blog e quello dell'amico MaxT (IdeeLudiche) dove l'inimitabile Fantavir è solito proporre enigmi per veri intenditori.


Le regole restano quelle del precedente post che trovate qui.
Le uniche differenze sono che questa volta i titoli da indovinare saranno 12 che comporranno l'anagramma di un 13mo titolo. Inoltre le foto non saranno alterate per evitare che qualcuno storca il naso e dica: "dai se non avessi photoshoppato la foto l'avrei indovinata!" (SI COMMENOOOO! ndr :-)

martedì 13 ottobre 2015

Sportellate Esplosive

Sono veloce, sono più che veloce, sono una saetta!” (cit.)

Inizia cosi’ uno dei miei cartoni animati d’azione preferiti della Pixar… ah i cartoni…. Quanti ne ho visti e quanti ne vedo… ce ne erano certi da piccolo che proprio non potevo fare a meno di rimanerci incollato ….

Ve lo ricordate Wacky Races? Dai come fate a non ricordarlo? Se dico Dick Dastardly? Niente? Sono sicuro che se urlo: “MUTTLEY!!!” ecco che vi torna in mente quel cartone mitico ed indelebile nella vostra mente da bambini… Quel cane senza collo dall'atteggiamento bipede che indossa un’uniforme da pilota della prima guerra mondiale con tanto di cappello di pelle e occhialoni all’insu’. La sua risata goffa e rantolata ogni volta che il padrone Dick lo chiamava per un rimprovero echeggiano ancora nello spazio immenso del pianeta terra…

sabato 10 ottobre 2015

Hot Cicks @ Romics

Albo3: “Ciao sono Stefano dello stand assoddoni numero 69, PADIGLIONE 5!! Mi hanno chiamato perché si è rotto paddani e si è fatto male un collega, sembra sia abbattoni e bisogna portarlo via d’urgenza. AVETE GiA’ CONTATTATO LA GUARDIA MEDICA SOBBISSINI PER IL TOFFANI?!? … è mezz’ora che aspettiamo!!!”
… faccia da poker…
Leggo dei punti interrogativi nella sua testa grossi come un lampione sulle Ramblas a Barcellona
Addetta alla sicurezza: “…. ?? … Mah?”
Albo3:  “Dai non dirmi che non è arrivata neanche l’aspessasta cattani per il recupero senza !? Oh cazzo qui ci rimetto il posto dai fammi entrare che culo-mio-culo-tuo-è-sempre-culo-tuo! Non voglio sentire dabbani, fidati lui è uno che ci va peso come unossona se lo vuoi sapere!”

martedì 6 ottobre 2015

Sogno o son desto?

La prima suoneria attacca a strillare alle 7:00 ma sono già sveglio da due ore… la piccola MD non ne vuole sapere di dormire.
Mi trascino allo specchio che sembra molle tipo Salvador Dali’, ma il problema non è lui, è la mia immagine che è deforme come l’urlo di Scream ma con le occhiaie di Zio Fester.
Butto nel microonde una tazza di acqua che poi infondo un the tramite una strizzabile bustina gialla… dopo qualche secondo arriva LA.
Papo quando andiamo? Dai che i cugini sono già li dobbiamo sbrigarci…” ... scuoto la testa, un brivido mi trafigge... mi ero appena appisolato!!!
Il giorno della vendemmia è sempre una festa… chiaramente non per chi non dorme da quasi un mese visto e considerato che sollevare secchi pieni d’uva a rischio ernia inguinale e con le gambe flaccide come il tricipite di Milly Carlucci non è proprio indicatissimo per la salute.

domenica 4 ottobre 2015

Ma dove v-Hive bellezza in bicicletta

Raccolgo la manciata di esagoni bianco/neri che stanno ancora sul tavolo, li ficco nella sacchetta rossa, tiro il cavo e chiudo. Si va… “non importa la meta, ciò che conta è il cammino”.

QUALCHE TEMPO FA
Era da un pezzo che sentivo parlare di questo best-seller per due sfidanti… ultimamente l’attenzione per i giochi 1vs1 è cresciuta molto, (nemo profeta in patria... quando lo dicevo io che Drako e MrJack Pocket spaccavano!!!!), tanti titoli anche da autori blasonati, da case produttrici importanti. Dai tempi di Agricola “tutte le creature grandi e piccole” ne è passata di acqua sotto sti ponti.

Cosi’ tra un patchWork e un appena sfornato Stromboli ecco che tutti non fanno che parlare di giochi x2… Per questo quando lo sbomballamento per “il gioco degli insetti” mi è diventato quasi insopportabile non ho potuto non comprarlo per capire di cosa si trattasse e BADABIM! Mi sono ritrovato in un tunnel tipo quello da cui scappavo qualche anno fa prima di ricominciare a giocare ai boardgame: gli scacchi!

lunedì 28 settembre 2015

Essen o non Essen, questo è il problema!

Astroboy è sempre stato un cartone che mi piaceva, una storia lineare nel suo lungimirante futurismo. Un protagonista semplice e puro se pur dotato di superpoteri e tanto amore da sbaragliare anche i più cattivi nemici rappresentanti del male per antonomasia.
Quando tempo fa mi scrisse per la prima volta uno dei miei primi lettori, ancora non sapevo che il suo soprannome sarebbe stato proprio quello, Astroboy… per deformazione-professionale da quando sono piccolo “appiccico” un nomignolo a tutto e tutti, storpio cognomi, inverto le lettere, insomma mi prendo più di qualche licenza poetica e in molti casi alcuni compagni di classe non stavano proprio li a ridersela per questo mio “superpotere”. Col tempo ho cercato di trovare la via della forza e i nick erano un qualche cosa di evocativo che mi richiamasse alla mente la persona a cui lo davo, lineare, semplice, niente di cattivo o vendicativo.
I protagonisti di questa storia sono il mio amico Astroboy e sua moglie Galassia (che fantasia eh!?).

venerdì 25 settembre 2015

Gioca Roma, tu balla bah se vuoi!

Escono di casa che sono le 14:00.
Le visite alla piccola MD ormai sono il pane quotidiano, ma di domenica, con il sole che splende alto e caldo in una tersa giornata di settembre, quando ci sono più eventi ludici che coppiette ad Ariccia… ecco in certe occasioni mi girano di brutto a rimanermene a casa.
Devo essermi fatto scappare qualche battuta di troppo cosi mia moglie mi fa: “dai su che è ancora presto, perché non porti LA a fare qualche gioco da tavolo? Però mi serve una mano per il bagnetto… diciamo che per le cinque ristate qui?!”.
Nella mia testa cominciano ad accavallarsi gli appuntamenti del calendario facebook come fossero un muro focese di zombie in cerca di carne fresca e corteccia cerebrale appena de fustellata dal cranio….

Alla Legio Capitolina si provano i 5 giochi candidati per il migliore dell’anno… bello! Avevo promesso a LeoCaviola che avrei portato il mio amato Colt Express aspettando il vincitore… ma aimè via aurelia è dall’altra parte della città… tempo che arrivo devo già rientrare…

Alla Torre del minotauro è già iniziato il torneo di Dominion… forse faccio in tempo in tempo ad arrivare e giocare un Fossato contro qualche Strega! Non ce la possoo fa

"ASPETTA! Ma non era oggi il Roma Gioca 2015?? Sta praticamente a 10 minuti di macchina… se boosto con il protossido d’azoto sono li per le 14:30…" penso d'un tratto già madido di sudore per l'emozione!

mercoledì 16 settembre 2015

Autori in Gioco playtesta Desertika


Domenica ce ne sono di cose da fare, ma se sei dalle parti della Torre del Minotauro e Marco Piola Caselli fa testare il suo Desertika non puoi tirarti indietro, dico io!

Cosi’ convinco LA  della serie: “Ti va di farti una partita a qualche gioco da tavolo in una ludote….” Non mi fa finire di parlare che ha già urlato il suo “SI SI DOVE, QUANDO, ADESSO? ANDIAMO, ANDIAMO, ANDIAMOOOO”.

Prima di passare metto in macchina la sua piccola bici rossa fiammante. Di strada c’è il parco degli acquedotti dove tra 7 giorni girerà con gli altri bambini per 24minuti imitando i grandi che se le daranno per 1 giorno intero!
Con la bici LA non lo ferma nessuno… a mala pena arriva a toccare con le punte ma una volta ricevuta la prima imbeccata dal papà, ecco che si trasforma in un biker agile come un ninja alato e veloce come un ghepardo col NOS! Radici, gradini, non teme le cadute… la sua giovane pellaccia porta già i segni di tanti atterramenti e colleziona cicatrici che neanche Renè Russo con Mel Gibson Arma Letale 3!

lunedì 14 settembre 2015

Cross Quix

Qualche settimana fa stavo vedendo una replica di uno di quei programmi degli anni scorsi in cui c'erano competizioni tipo Guinness dei primati.
Un tizio con una benda toccando il gruppo ottico di una macchina capiva quale fosse, marca, modello, anno... un mito!

Un altro aveva il super udito, gli bastava sentire il rumore di uno scarico per poter dire se fosse una macchina, una moto, un trattore e, come prima, marca modelli e ogni tanto qualche aneddoto giusto per....

A me queste cose ricordano un po la serie TV Hero con questi ragazzi normali che si scoprivano degli impacciatissimi X-Men formato famiglia.

Il programma deve essermi rimasto nel gulliver: scavava, scavava, scavava come una goccia cinese che non chiede permesso per entrare nel cranio.
Poi ad un semaforo di quelli romani che durano dai 10 ai venti minuti... non roba normale!, ho avuto un'illuminazione tipo Terzo occhio nella fronte di virgo!

mercoledì 9 settembre 2015

Come Quando Fuori Piove


Non lo so ma a me quando piove piace!
Certo non dico quando è lunedì che vai a lavoro con un rodimento per capello, esci in ritardo, sei vestito estivo e dopo 5 minuti che hai preso la bici ti trovi sotto il diluvio con la temperatura scesa di 10 gradi e raffiche di vento che neanche la BORA della FolksWagen! Quand’è così non c’è santo che regga, scarrellata di imprecazioni e cerchi di tenere botta alla meno peggio.

La parte che mi piace di quando piove invece sono quelle domeniche mattina che sto tranquillo tipo Sottotono… quelle che se ci fosse il sole sarei già a sudare in sella su qualche “sgarupo” e invece apro gli occhi quando suona la sveglia e sento quel ritmatico ronzio che viene da fuori la finestra…
“Piove, senti come piove, Madonna come piove, senti come viene giù uuuhh!” mi suona nella testa la Jovanotti!
Che bello, che romantico: ti giri nelle lenzuola, affondi la testa nel cuscino e giù a dorm…. ZZZZAAAAK! No quando hai dei figli non è proprio così… è quasi obbligatorio comunque alzarsi ed iniziare un minimo di routine: lavandino, acqua fredda, latte per i piccoli e via di bella!

venerdì 4 settembre 2015

Due chiacchiere con Luigi "Bigio" Cecchi

Chi di noi non ha mai letto un fumetto? Chi di noi non ha pensato almeno una volta: "chi sa cosa serve per vignettare una striscia? Come finzionera quel mondo?"

Per quelli come me cresciuti a Gentilini nel latte e Tex Willer sulle gambe sarà chiarissimo  cosa racchiuda in se la parola fumetti o più in generale "disegno" per questo quando sono stato nuovamente investito dalla passione per i boardgame ho subito puntato lo sguardo alla grafica, alle illustrazioni cercato nei giochi non solo il piacere delle meccaniche ma anche un aspetto estetico ed una "riconoscibilità" stiloza.

Qualche giorno fa mi sono imbattuto in un post che recitava: "24ore Comics".  Assalito dalla curiosità mi sono immerso in un mondo che avevo tralasciato da troppo. Tra i partecipanti del "contest casalingo" si annoverava anche l'illustre creatore/autore di Drizzit, Luigi Cecchi aka Bigio.

Del gioco credo che tutti quanti noi sappiamo e abbiamo letto moltissimo visto il rapidissimo successo riscosso, così ho pensato di fare quattro chiacchiere con Bigio per capire i retroscena di una vita passata a disegnare e come sia cambiato oggi il mondo dei vignettisti/illustratori grazie all'avvento delle tavolette digitali e dei sw dedicati.

venerdì 28 agosto 2015

L'Estate sta finendo...



“... e un anno se ne va! Sto diventando grande… lo sai che non mi va!”
Canzoni come questa mi hanno sempre lasciato quel senso di malinconia che ti prende e non ti molla come quando a fine agosto iniziano i temporali in spiaggia e sei ancora a secco di scopate… ne avevi fatti di progetti con i tuoi 14 anni di ormoni eppure ancora in bianco come il lenzuolo del fantasma di Canterville.

All’inizio delle scuole mancano ancora una manciata di giorni quindi tecnicamente è ancora vacanza ma le giornate si accorciano come i maglioni di lana quando li fai lavare a tua nonna che usa lo stesso programma-Carroarmato per tutto. Sembra ieri che alle 21.00 stavi in riva al mare a guardare l’ultimo spicchio di sole scomparire dietro la linea dell’orizzonte, te ne stavi sdraiato ad osservare quel bagliore violastro che resta impresso nella retina come un ago di fico d’india nei polpastrelli dopo un dritto in bici tra le stradine del paese!

Per me che le “vacanze” iniziano a giugno quando sposto la famiglia dai suoceri e finiscono a metà settembre con la gara di 24h di MTB che si disputa nel parco degli Acquedotti.
Però questo è un anno particolare, uno di quelli che capita un paio di volte nella vita, così di questa Estate-passata tiro le somme in anticipo, in vista del rientro in ufficio che mi stirerà i capelli tipo piastra e mi stresserà dopo due giorni come fosse già Maggio!

domenica 23 agosto 2015

Il fratello brutto



Qualche tempo fa l’oscuro giocatore che alberga in me ha preso il sopravvento… come al solito.
Per chi come il sottoscritto è affetto da SDAC (sindrome da acquisto compulsivo) sarà capitato spesso di fare giurin-giurello “questa è l’ultima volta… sto troppo a ruota, mi sto per indebitare anche il vasetto di mia figlia appena nata (tanto ancora non lo usa!), le rotelle di quello grande (tanto ormai pedala senza) e la dentiera di pora-nonna (a lei non serve più!)! Il prossimo mese NON COMPRO NEANCHE UN GIOCO!”.

Poi quando arriva il 27 tiri al massimo un altro paio di giorni, si e no arrivi ai primi del mese successivo ed ecco che ti casca l’occhio sul carrello, su uno dei tre o quattro carrelli dei cinque o sei siti dove fai acquisti….

Il problema però è che per limare all’osso le spese di spedizione, per ottimizzare al meglio l’inscatolamento arrivo ad aggiungere giochi “bonus” magari rastrellati dal fondo del barile e quindi gli importi e i titoli lievitano e mi ritrovo negli scaffali scatole incellophanate per mesi/anni senza che ci sia la minima voglia di swrapparli per capire se valga la pena occupare quello spazio nell’armadio.

Questa è stata la storia del mio Caylus Magna Carta, il fratello brutto del fighissimo Caylus…. chi se ne frega di Doug se esiste Brad Pitt??

Non avete mai sentito parlare di Caylus??? NON CI CREDO!

mercoledì 19 agosto 2015

Uomo solo aggredisce tre cinghiali

Ogni estate ha il suo leitmotif: l’ondata di calore del secolo! Gommoni allo sbando! Tempeste di fango! Fino ad arrivare alle notizie di cronaca nera più truculente dove le testate giornalistiche riescono a dare il peggio e a passare immagini e descrizioni che farebbero rabbrividire anche Dario Argento.
Quest’anno la situazione era talmente un megamix del “già sentito” che quasi ci si stava annoiando quando ecco la notizia bomba sulla quale la stampa ha ricamato su un cinema degli orrori:

CINGHIALE KILLER ATTACCA UOMO E LO UCCIDE!

BRANCO DI CINGHIALI SELVATICI FA STRAGE DI ESCURSIONISTI!

AIUTO… AIUTO… SI SALVI CHI PUÒ CINGHIALE MANNARO DIVORA PER GIOCO NEI PRESSI DI TABULA!!

Tra qualche vero dramma anche tanta carta straccia ma comunque un unico comune filo rosso: il cinghiale! Ma voi avete mai visto un cinghiale? Dico dal vivo mica in foto o nei documentari? L’uomo ha ben poche possibilità di sopravvivenza contro un animale a quattro zampe che può superare il doppio/triplo del suo peso corporeo, che corre quasi al doppio della velocità di un normodotato (escludiamo Bolt che di normo non ha neanche il nome!), che ha zanne lunghe come quelle della tigre siberiana e taglienti come l’alabarda di Goldrake!

domenica 16 agosto 2015

La storia fatta a pezze


L’orologio segna le 03:30… chiudo la porta completamente madido di sudore…Gli occhi iniettati di sangue, le gambe molli.... sono exaust-o come una marmitta Termignoni dopo il GP del Mugello.

IL GIORNO PRIMA
Cissinho: “Ragà mercoledì vi ho dato buca ma stasera ci sono… giochiamo? Dai che è venerdì e possiamo tirare lunghi”
Kuldran ed io non vediamo l’ora come Stevie Wonder.

Ci incontriamo a casa mia, pizza al taglio con Dani-Doraemon e poi giù con un CINGHIALE DEFINITIVO… questo in sintesi il programma della serata.
Alle 20:15 andiamo in pizzeria dal mio amico moldavo aka Mickey lo Zingaro (quando parla non si capisce proprio un cxxxo).

giovedì 13 agosto 2015

E' arrivata la Geekogna

Sembra strano ma per certe cose perdo le parole come Ligabue!

Però dirti quanto è importante questo giorno è fondamentale quindi mi affido alla poesia di un artista che riempie le mie giornate da quando sono piccolo, da sempre e che sono sicuro ascolteremo insieme tu, il fratellone LA, la mamma Dani ed io.

Questa è per te piccola:

È per te che sono verdi gli alberi
e rosa i fiocchi in maternità
è per te che il sole brucia a luglio
è per te tutta questa città
è per te che sono bianchi i muri
e la colomba vola
è per te il 13 dicembre
è per te la campanella a scuola
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te che a volte piove a giugno
è per te il sorriso degli umani
è per te un'aranciata fresca
è per te lo scodinzolo dei cani
è per te il colore delle foglie
la forma strana della nuvole
è per te il succo delle mele
è per te il rosso delle fragole
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te il profumo delle stelle
è per te il miele e la farina
è per te il sabato nel centro
le otto di mattina
è per te la voce dei cantanti
la penna dei poeti
è per te una maglietta a righe
è per te la chiave dei segreti
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te il dubbio e la certezza
la forza e la dolcezza
è per te che il mare sa di sale
è per te la notte di natale
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
naanananaa....
naanananaa....
naanananaa....
naanananaa....
(Lorenzo Cherubini)


Benvenuta Marmottina :))



lunedì 10 agosto 2015

La profezia maya non sbaglia


I Maya la sapevano lunga… Creavano altari, facevano sacrifici, leggevano gli astri e prevedevano il futuro.

Qui in città siamo rimasti in pochi: quelli che hanno finito le ferie nei primi 8 mesi, girando tra spiagge caraibiche e obrellini in cocktails trita-intestino; quelli che le ferie non ce le hanno proprio; quelli che ce le avrebbero ma non le usano per tirare fino a dicembre per andarsene nella glaciale NewYork con le sue lucine natalizie e il fumo bianco dai tombini. Infine quelli che ne farebbero volentieri a meno di stare a Roma a 46 gradi ma che aspettano la cicogna e il suo fagottino!
In questo via vai di vite che si consumano come candele accese in un deserto arriva una chiamata.

Kuldran: “Bello ma sei a Roma? Che ne dici di una partita dopo cena domani?”.
Il carteggio via web continua tutto il giorno tra una pausa caffè e la fila in mensa.
Albo: “Si ok ma giochiamoci un cinghialetto non troppo peso… mi andrebbe qualche cosa di mai provato prima, che mi proponi? Stupiscimi!!”.

venerdì 7 agosto 2015

Una settimana e mezza


PERICOLO DI MORTE: per chi  volesse avventurarsi nella lettura, consiglio molta pazienza e una tazza piena di caffè... mai scritto un post così DENSO!
LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CHE TAGGATE (cit.)

Uno dei miei primi NERD preferiti e invidiato fin da piccolo è stato Mickey Rourke in grado di trombare per 9 settimane e mezzo filate mica con SoraLella ma con una patatosissima Kim Basinger che anche adesso è una signora MILF! Chi più di lui poteva quindi incarnare il mito di uno che sta al TOP... un super PRO (che sta per prostata chiaramente!)… io a malapena reggo una-settimana-e-mezzo a giocare ai boardgame… che rigazzino!!

Tutto è cominciato 10 giorni fa… Pensavo succedesse solo agli hard-gamer quelli che puzzano di cinghiale che neanche una confezione di pino-silvestre potrebbe addolcirne la scia… e invece per una strana congiunzione astrale, tra weekend e una settimanella di ferie ecco che il sogno si è concretizzato: giocare ogni giorno, almeno un gioco, non importa se per babbani o per hevy-gamers... giocare almeno una volta nelle ventiquattro ore che scandiscono il passaggio da un giorno al successivo....
Sopravvivere a questa marathon-ludica non è stata un'impresa tipo WeeGL o invenzioni alla 48h-Caverna-o-Muori! Non parliamo di ore e ore di gioco a strizzarsi il mono-neurone... per chi almeno uno è sicuro di averlo (le certezze sono tutto nella vita).

Semplicemente uno scorrere felice di giorni in compagni di moglie, Figlio, amici e parenti vari.
Scrivere il report è stato di gran lunga più faticoso! :))

lunedì 3 agosto 2015

Tanta roba, mi scappa di ringraziare qualcuno

Tre agosto 2015… tiriamo qualche somma.
37 anni fa nascevo in una caldissima estate d’agosto… calda forse un pizzico meno di quella di oggi… ma non ci sono più le estati di una volta come direbbero i nostri nonni.
Di certo quest’anno appena passato lo ricorderò per la sua intensità e per le tantissime cose fatte, per le tantissime persone conosciute, per le tante righe scritte!

All’inizio del 2015 con una figlia stile ciuschi nella pancia di Dani-Doraemon e un pargoletto di 5 anni sempre più vichingo e meno poppante ecco la mandrakata per ridurre ancor di più le poche ore di sonno quotidiano: AVVIARE UN BLOG!

Kuldran: “Albo in campana che per gestire un blog ci vuole un fottio di tempo!”
Albo3: “Maddaiiii, alla fine i report dopo ogni partita li faccio già… che vuoi che sia…” dovrei dargli più retta a quel brutto nanerottolo roscio!

mercoledì 29 luglio 2015

Spingitore di Giocatori. Intervista a Leo Caviola

Da un bel po di anni a Roma c’è un personaggio che si muove notte e giorno, anima e corpo, lacrime e sangue per promuovere e diffondere il verbo-ludico.
Se lo incontri non te lo puoi dimenticare più, tipo sigla di Belle e Sebastien.
Un ragazzo con la mimica e la simpatia di AceVentura ma quando si passa al gioco per duri cambia sguardo, capisci che ne sa veramente tanto, che ne ha vissute ancora di più e che quando parla difficilmente mette una virgola fuori posto… peccato che il suo lato “saggio” duri una ventina di secondi al massimo… poi scoppia di nuovo la sua esuberante ilarità e simpatica, contagiosa per chiunque anche per i più scettici in quanto a NERD e stranezze varie.

È arrivato il momento di aprire il vaso di Caviola e regalarci qualche dettaglio in più ma sei pronto a mettere a nudo anche qualche nervetto teso? Come al Colosseo vogliamo vedere er sanque (goliardico)!
Oh santa pupa, quale onore ...  qui rischio grosso del tipo "chi si loda, si imbroda". Vabbè mi gioco il jolly !!!

domenica 26 luglio 2015

Scegli tu, adesso sei grande!



Diventare padre la prima volta ti cambia per sempre!
Passare dall'ego-centrismo al marmocchio-centrismo NON è una passeggiata.
Non c’è un libretto delle istruzioni, un regolamento che ti dica cosa fare, come e quando?
Già la vita di suo è un’esperienza diversa per ciascuno, figuriamoci i figli: ogni pargoletto/a che viene alla luce ha il suo DNA, il suo carattere scolpito nel codice e te ne accorgi già dalla prima settimana. Per ognuno serve un approccio diverso, chi è più energico, chi è più tranqui…. Un mare di scelte, di rami decisionali che non si possono analizzare in santa pace e la paralisi da analisi è un concetto da evitare come "il volo", non ci è dato questo lusso a noi genitori. Velocità, capacità di adattamento, riprogrammazione, organizzazione… in pratica quando ti nasce un figlio passi dal livello 1 del babbano al livello Ultimate-Warrior dell’HardGamer di vita-vera un gioco che non trovi al mercatino dell’usato ma che ti regala grosse esperienze che sembrano talmente reali da confonderti spesso tra gioco e normalità.

giovedì 23 luglio 2015

I mostri delle favole



Kuldran: “bello ti è arrivato l’invito?” 
Albo3: “di che parli? Ma che ti sposi?”
Kuldran: “Noooooo maddekeeee! Per quello c’è tempo! No per l’anteprima!”
Albo3: “Si aspetta un altro po’ compà! Di questo passo i tuoi figli dovranno cambiarlo a te il pannolino! Ma di che anteprima parli oh!?”
Kuldran: “CCitua! Parlo di Bomarzo!”
Albo3: “Chè? Guarda che ci sono stato neanche un mese fa ai giardini… interessante!”
Kuldran: “Albo sei un caxxone! Ma quale giardini e giardini, parlo dell’anteprima del gioco da tavolo… sai tabellone, puzzilli, fottuti NERD? BOMARZO!?”


Inizia così la mia giornata sul cesso a chattare con l’amico di sempre!
Finisce che mi arriva un invito su faccialibro, accetto e il giorno dell’anteprima mi presento!

martedì 21 luglio 2015

Caronte: Carne alla bragia!


Tiro su la serranda e trovo mucchi di giocattoli abbandonati in terra,  mine anticarro e colpi di mortaio.  Nello stesso appezzamento di pareo ci sono i resti di uno scontro epico tra caccia mimetici, incrociatori, mezzi anfibi, un sottomarino,  sacchetti ammassati intorno le trincee saltate. Fori di proiettile sulle corazze blindate, foglie di magnolia, Skipper della Pixar!
devono aver segato via il fronte d’attacco dei soldatini verdi.
Mentre passo la mano sulla barba che cresce inesorabile vedo in lontananza una serie di bottiglie di plastica buttate qua e la sul prato, uno scivolo, la piccola porta per le partite con LA… è li che comincio ad avere i primi flashback! Immagini sfocate come la nebbia e veloci come uno shuriken! I soliti postumi da serata con carne alla brace, gli amici di sempre, sulla tavola imbandita qualche scatola per chiudere dopo il dolce… FAGIOLI!

venerdì 17 luglio 2015

Con gli occhi di chi ci lavora

Da qualche tempo mi frullava nella testa di entrare in una azienda di boardgame e farmi un giro… ma non è che puoi entrare e fare il guardone come se niente fosse… non è così semplice! Vabbene che siamo in Italia e chiunque fa quel cxxxo che vuole però... a tutto c'è un limite no?

Allora considerando bene la situazione, la cosa più semplice da fare era farsi raccontare cosa ci fosse dentro una di quelle black-box (case editrici) direttamente da un membro del team, farsi un giro virtuale tra le scrivanie guardando con gli occhi di chi ci lavora ogni giorno, una specie di meta-tour alla Strange Days.

Così un po’ per caso e un po’ per la mia curiosità (leggi sfacciataggine) ecco nel blog l’intervista a Barbara Rol di DvGiochi (o Da Vinci Editrice S.r.L. per essere pignoli), la prima quota rosa a rompere il muro dei NERD.

mercoledì 15 luglio 2015

Beach-Bohnanza-Tournament - Episode I


Facciamo il punto della situazione.
L’estate è iniziata da un bel pezzo; forse qualcuno non è ancora in ferie ma per chi come me da giugno vive il mare almeno ogni weekend ecco fatto che il periodo estivo non identifica solo le due/tre settimane di pausa lavorativa a cavallo di ferragosto ma proprio un momento di relax che va oltre!

Come già detto in un precedente post, l’estate da queste parti è sinonimo di calcio bailado, obrelloni, tatuaggi e partite di carte a Tre-Sette o “Bicheb be!”. 
Non parliamo infatti di Rimini o Riccione con le discoteche e lo struscio, né di Ibiza, Formentera o Mykonos con la muscia house che finisce alle 9:00 ma che parte alle 23 del giorno prima… niente pasticche, cocktails né schiuma che ti sommerge, solo borse termiche, ombrelloni infilati ad penis segugium, teli da mare uniti insieme e i bambini di tutta la compagnia che fanno buche nella sabbia sul bagnoasciuga… con quelle buche c’è gente che ci ha rimesso i legamenti, gente che ha trovato il petrolio e chi come noi ci è diventata grande, barba bianca e peli canuti pure sul petto ormai. I più fortunati sono quasi come prima, solo più tondi e con qualche maniglia in più.

lunedì 13 luglio 2015

Pasta al Whisky e Gerdts a Rotella



Difficoltà: bassa
Tempo di set-up: 20 minuti
Tempo di gioco: dipende dai giocatori al tavolo – 5 minuti per neofiti, 1 o 2 minuti scarsi per hard gamer!
Ingredienti per 4 giocatori
-1cipolla rossa
-400g di spaghetti
-100g di prosciutto cotto oppure speack
-60g di burro
-6 cucchiai di panna liquida
-Whisky: va bene uno Scots Lairds, maglio un Lagavulin invecchiato 16 (questione di gamer!)
-sale (per l’acqua della pasta)
-pepe
-Parmigiano


Regole base:
Imbiondire la cipolla tritata con abbondante olio e una noce di burro, aggiungere 3 cucchiai di panna. Tritate il prosciutto molto fine, fatelo saltare in padella con il burro e la fiamma bassa per qualche minuto. Lessate gli spaghetti e scolateli al dente cpnservando un po di acqua di cottura. Versateli in una insalatiera dove verserete anche il prosciutto e la panna liquida, mescolando ripetutamente. Aggiungete acqua di cottura e una spruzzata abbondante di whisky, un po’ di pepe e il primo speciale di oggi è servito. Nel piato grattare del parmigiano e pepe come se non ci fosse un colon!

giovedì 9 luglio 2015

La sabbia brucia papo!



Qui nel Lazio si muore di caldo… “Ondata di caldo africano” dicono in TV ma una cosa così non me la ricordavo da quando nel 2003 morirono tutti i pesci nella fontana in giardino… BOLLITI!

DOMENICA AL MARE
Con mio figlio scendiamo in spiaggia che sono le 10.00. Menomale che abbiamo preso l’ombrellone affianco la passerella perché scalzi non si può andare.
LA: “La sabbia brucia papo! Come facciamo a farci il bagno” il bello di essere piccoli è che ogni problema sembra enorme ma poi si supera sulle spalle di papà e ogni cosa torna bella! Forse è per questo che ai loro occhi siamo dei super?!

lunedì 6 luglio 2015

Storia di uno Storage - by Kuldran


Da quando ho ricominciato a vivere il mondo dei boardgame mi sono subito scontrato con una dura realtà: il caos delle scatole.
Passando dai giochi entry level a quelli heavy-weight la cosa si amplificava trasformando la mia vita ludica in un inferno… perché per me l’ORDINE non è una attributo superfluo delle cose… la forma a volte mi diventa più importante del contenuto… o meglio, senza una certa armonia posizionale ed estetica tutto il resto mi si annebbia, mi cambia prospettiva e posso iniziare a perdere di lucidità ed obiettività.

Proprio l’ordine a mio avviso dovrebbe appartenere in modo indissolubile ad ogni ingegnere e tra tutti quelli che conosco, e ne conosco proprio tanti, quello che meglio incarna questa caratteristica sia professionalmente che nella vita pratica è il piccolo Kuldran: un uomo che ruota intorno alla conoscenza viscerale che arriva a punte di estremismo da hezbollah e che si ripercuote nel modo in cui racconta le cose o spiega le regole di un gioco, fino alla maniacalità con cui cura la posizione dei pezzetti nelle bustine, alla patologica necessità di imbustare anche carte che non si mischiano, che non si toccano… insomma in bilico tra follia e genialità.

domenica 5 luglio 2015

Megaloman mi spiccia casa!



A volte mi tornano in mente degli scampoli di ricordi, frammenti di immagini della cucina di casa di quando ero piccolo, mia madre che stira, una montagna di panni dentro i quali mi butto a pesce.
Nel mobile della cucina c’è un piano che si alza e scopre una botola, mi ci tuffo dentro atterrando su trucioli di gommapiuma e imbottiture di cuscini.
Mia madre, casalinga e sarta, fa finta di non vedermi così posso sbucare fuori mimando le mosse del mio supereroe preferito: MegaloMan.

Il più famoso degli eroi… M E G A L O M A N!” quella sigla tra l’horror e il tamarro che mi dava il segnale per piazzarmi di fronte la tele bianco e nero per venerare quei mega mostri che alla fine le prendevano di brutto dal mio eroe mascherato. Una serie TV tipica dei tokusatsu giapponesi, con i soliti mostri Kaiju a fare i prepotenti e i paladini kayjin a difendere l’umanità. A rimetterci sempre i palazzoni di cartapesta delle fintissime e piccolissime città che ogni volta venivano rase al suolo dalle combo di questi insoliti guerrieri.
Mi ricordo che ci sono voluti anni per capire che la calzamaglia indossata era rossa, i capelli bianchi e che i colori non erano solo il bianco e il nero, c’è voluta la tele quella grande a colori e il video registratore… storia moderna, passato remoto per i nostri figli.
I mostri erano dei pupazzoni sfigatissimi con una voce che arrivava da chi sa dove e che per far capire che erano loro a parlare muovevano le mani a turno…. Però vedendo i poweranger di adesso che piacciono a mio figlio… non mi sembra che si siano fatti grossi passi in avanti da trent’anni a questa parte!

giovedì 2 luglio 2015

King of Vlogz: Recensioni Minute in-contra Sgananzium


Quando la scimmia sale un board-Game-Addicted non chiude un carrello se prima non sa bene cosa arriverà sul suo tavolo nella catena del valore che parte da un autore, prende forma con un editore, si vende tramite un pusher, arriva con un dealer e si scarta con un orgasmico un-boxing.
Per avere la certezza che nella scatola non ci siano strane-sorprese gli strumenti del mestiere di un giocatore rodato sono due: quelli che scrivono e quelli che filmano.
Per quelli che non vogliono leggere e non hanno tempo da perdere tra dettagli, punteggiatura, commenti e polemiche allora l’ultima frontiera è il VLOG quella parola a metà strada tra un Vaff… e un programma spazzatura su RaiTre! Scherzi a parte:Video-Blog = Vlog neologismo molto nerd di comune utilizzo nelle cricche dei gamers.

Ora non so voi ma quando devo capire se valga la pena aggiungere un gioco nel mio scaffale ormai vado giù di combo: rece+video+commenti+chiamate agli amici etc etc etc

Di sicuro la cosa più immediata per capire se l’impasto è buono e fa per me è un video tutorial sulle regole, sui componenti, su come gira, magari con considerazioni finali… e allora perché non scambiare quattro chiacchiere con quelli che lo fanno e pure bene, in bilico tra passione e mestiere, tra semplicità ed effetti speciali… insomma…

[da facebook-messenger]
Albo3: “Bella raga… vi andrebbe un’intervista doppia stile iene ma senza video??? ...Si sono un po svitato e la cosa potrebbe essere una mega cagat…. Ma se ci state vi mando qualche domanda e vediamo che succede?”

Non è facile farsi dire di NO da due ragazzi in gamba e alla mano come Matteo e Andrea.

venerdì 26 giugno 2015

La Terra dei Nerd



[dai commenti di un post precedente]
Albo3: “[…] ORA BASTA CAZZEGGIARE PERò! DOBBIAMO GIOCARE A TERRA O MUORO!”

Kuldran: “Tu chiami in causa i pesi massimi......e Terra sia allora !!!!!”

Si era chiuso così uno degli ultimi scambi dopo la scottata di Kuldran a Russian-Railroads che aveva riportato Sniffolo sulla cresta dell’onda. Ma se la Transiberiana è il terreno di scontro preferito dal baffuto-laziale, la terra promessa di Kuldran è quella Mystica, non ci sono dubbi! Un gioco che nella cricca di Roma-Nerd ha preso subito tutti per la sua concretezza e assoluta mancanza di alea (fatta eccezione per la scelta di chi inizia per primo e per la pesca della razza). Ma per Kuldran è stato qualche cosa di più… amore a prima s-vista: dove io vedevo complessità lui vedeva armonia, dove tutti vedono profondità lui vede orizzonte e libertà…. Insomma un gioco nelle sue corde come una Stratocaster con Jimi Hendrix.

mercoledì 24 giugno 2015

Fagioli di mare



LUNEDI IN MACCHINA: RIFLESSIONI
Non odio il lunedì perché si torna a lavoro, lo sbattimento, il capo e tutto il resto… A me la routine lavorativa piace, e pure tanto
Se proprio devo trovare un difetto al lunedì però è che purtroppo per lui è attaccato alla domenica che in assoluto è uno dei giorni di massimo relax e quindi la discontinuità tra i due lascia sempre uno strano retrogusto e lui ne paga le conseguenze!
Come fare a paragonare un ufficio con quattro mura in un palazzo di 17 piani nella città più caotica e incasinata d’Italia rispetto ad un asciugamano, la spiaggia, gli ombrelloni cinque o sei amici con rispettive mogli e figli e un mazzo di carte di quelli come si deve? Chiaramente in queste condizioni il lunedì perde 10 a zero!

Però l’estate è arrivata e quindi nel weekend mare e il lunedì mattina quando ti alzi presto per andare a lavoro quasi mi piacciono quei trenta minuti di serena solitudine nell’abitacolo una specie di strano relax che solo un genitore in attesa del secondo figlio può apprezzare così bene.